Attenzione I Cookie vengono utilizzati per fornire la migliore esperienza all'utente. Se continui, diamo per scontato che l'utente accetti di ricevere Cookies da questo sito. OK

Ricette

07/11/2014
da Adriana Sicilè
Fantastiche e complete  ricette da i migliori cuochi Siciliani e non solo!

Scacciata

20/09/2018
da Adriana Sicilè
Scacciata

La scacciata è una tipica ricetta della città di Catania, ed anche di alcune zone limitrofe.

Ogni zona ha il suo tipico ripieno per questo ve ne proporremo alcuni.
Originariamente veniva fatta con la pasta del pane e nel forno a legna.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

  • 1 kg di farina di semola
  • 50 grammi di lievito di birra
  • un pizzico di sale
  • mezzo bicchiere d’acqua tiepida
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • una tazzina da caffè di olivo
  • PREPARAZIONE

    PREPARAZIONE DELLA PASTA

    Sciogliere il lievito di birra con l’acqua tiepida ed un pizzico di sale.

    Versare il tutto nella farina e cominciare ad impastare con l’aggiunta di qualche sorso d’acqua finché la pasta sarà ben amalgamata e si presenterà abbastanza dura.

    Dopo averle dato la forma di una pane a cassetta, infarinarla per bene e avvolgerla in una salvietta, se invece c’è molto freddo avvolgere ulteriormente in una coperta di lana.

    Quando la pasta comincerà a crepare e gonfiare allora sarà pronta.

    A questo punto la si potrà rilavorare aggiungendo il bicarbonato e l’olio, ed occorrerà impastarla fino a farle assorbire completamente l’olio.

    Dividere il composto in due parti, e spianarlo in maniera non uniforme, in una teglia di circa 15 centimetri di raggio, dopo averla unta ed infarinata, tenere da parte l’altra parte dell’impasta che ci servirà per coprire la scacciata una volta condita a piacimento.

    Una volta riempita e chiusa, ungere d’olio leggermente la parte superiore e farvi un paio di buchi con la forchetta, infornare per circa mezz’ora a forno caldissimo.

    RIPIENO CON TUMA ED ACCIUGHE, UN CLASSICO CATANESE.

    • 300 grammi di formaggio tuma (primosale)
    • 100 grammi di acciughe sott’olio
    • pepe<
    • olio d’oliva extravergine

    Tagliare la tuma a fette larghe e disporla sulla pasta della schiacciata con le acciughe lasciate intere, abbondare con il pepe nero, un filo d’olio di oliva.

    RIPIENO CON CAVOLFIORE ED ACCIUGHE

    • 1 kg di cavolfiore
    • 100 grammi di olive nere
    • 100 grammi di tuma o formaggio con il pepe non stagionato
    • 3 o 4 acciughe sott’olio
    • 1 spicchio di aglio
    • olio
    • sale
    • pepe

    Lessare il cavolfiore a pezzettini e rigirarlo in padella con olio ed aglio a pezzettini.

    Foderare la teglia,con la pasta già stesa, di formaggio tagliato a dadini , le olive snocciolate, le acciughe a pezzettini, il pepe ed un pizzico di sale ed ovviamente il cavolfiore. Chiudere da la schiacciata ed infornare.

    RIPIENO CON TUMA ACCIUGHE E CIPOLLA

    • due mazzetti di cipolla
    • 200 grammi di tuma
    • 100 grammi di acciughe sott’olio
    • pepe
    • olio

    Tagliare la cipolla in maniera molto fine, disporla sulla pasta assieme a fette di tuma ed acciughe intere, infine condire con pepe nero ed un filo d’olio, chiudere ed infornare.

    RIPIENO CON SPARACELLI

    • 1,5 kg di sparacelli
    • 100 grammi di olive neri
    • 100 grammi di tuma
    • 1 spicchio d’aglio
    • 3 o 4 acciughe sott’olio
    • pepe
    • olio

    Lessare gli sparacelli, e saltarli in padella con aglio ed olio. Versarli, a questo punto, nella teglia sulla pasta della schicciata ed aggiungere il formaggio a cubetti, le acciughe e le olive snocciolate.

    Chiudere ed infornare.

Carciofi con mollica "ammuddicati"

20/09/2018
da Adriana Sicilè
Carciofi con mollica "ammuddicati"

Carciofi con mollica è la pietanza di cui stiamo per esporre la ricetta, non è da classificarsi come un vero e proprio antipasto e neanche come un contorno, ma più che altro è una piatto da intendersi come intermezzo tra un portata ed un’altra.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

  • 6 carciofi
  • 2 arance
  • 2 limoni
  • 50 grammi di capperi
  • 4 acciughe salate
  • 200 grammi di pangrattato tostato
  • mezzo bicchiere di aceto
  • 4 cucchiai di zucchero
  • sale
  • pepe
  • olio
  • PREPARAZIONE

    Tagliare a spicchi i carciofi, metterli in un tegame. Spremere i limoni e le arance, versare il succo nel tegame sopra i carciofi, aggiungere sale e pepe, per finire mettere il tegame sul fuoco lento.
    Quando la cottura sarà ultimata, aggiungere l’aceto e lo zucchero e lasciare ancora sul fuoco sino a che non inizi di nuovo a bollire il tutto.
    Nel frattempo mescolare le acciughe sciolte nell’olio con il pangrattato, aggiungere i capperi.
    Mettere i carciofi su di un piatto da portata e cospargere con il pangrattato preparato prima.
    Questo piatto va servito freddo.

Vermicelli alla siracusana

20/09/2018
da Adriana Sicilè
Vermicelli alla siracusana

Un classico della cucina siracusana e che popola le tavole dei siciliani. La sua semplicità di realizzo ed il suo gusto profondo lo rendono uno dei piatti più apprezzati di sempre in Sicilia. Scopriamo insieme come prepararlo.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

  • 400 gr di vermicelli (o spaghetti)
  • 1 melanzana
  • 1 peperone
  • 1/2 bicchiere d’olio extravergine di oliva
  • 1 spicchio di aglio
  • 50 gr di filetti di acciuga
  • 2 cucchiai di capperi
  • 100 gr di olive nere
  • 300 gr di pomodori pelati
  • 1 rametto di basilico
  • sale
  • pepe
  • PREPARAZIONE

    Abbrustolite il peperone; spellatelo, privatelo dei semi e filamenti e riducetelo a listarelle.

    Lavate la melanzana e privatela del picciolo; poi tagliatela a dadini e ponetela in un colapasta, cosparsa di sale, a perdere il liquido di vegetazione.

    Fate imbiondire l’aglio schiacciato in un tegame con l’olio; eliminatelo e sciogliete nel condimento i filetti di acciuga dissalati.

    Quando saranno dorati, aggiungete i pomodori a filetti, il peperone, i capperi e le olive.

    Profumate con una manciata di foglie di basilico ben pulite; salate, pepate e cuocete per circa un quarto d’ora, su fiamma moderata.

    Lessate la pasta in abbondante acqua salata; sgocciolatela al dente e conditela con il sugo preparato.

Pasta alla paolina

20/09/2018
da Adriana Sicilè
Pasta alla paolina

Questa ricetta è molto antica, detta anche pasta alla paulòta, è originaria del monastero di San Francesco di Paola a Palermo. Ne esistono numerose varianti ma l’elemento che le accomuna tutte è l’uso della cannella e dei chiodi di garofano, senza i quali non si può parlare di “pasta alla paolina”.

INGREDIENTI PER 6 PERSONE

  • 600gr di caserecce o fusilli
  • 10 filetti di acciughe sotto sale o sottolio
  • 800 gr di pomodori freschi maturi pelati
  • 3 spicchi di aglio
  • 6 foglie di basilico
  • 1 pizzico di cannella
  • 3 chiodi di garofano
  • 150 ml olio extravergine di oliva
  • Sale
  • Pepe

PREPARAZIONE

Pelate i pomodori in acqua bollente per pochi secondi e pelarli (usare i pomodori pelati fuori stagione). Rosolare l’aglio in metà olio ed eliminarlo quando sarà diventato biondo.

Aggiungere i pomodori e schiacciarli con una forchetta, quindi il basilico tritato.

Cuocere lentamente fino ad ottenere un composto cremoso. Dissalare e diliscare le acciughe, quindi farle sciogliere nel rimanente olio, leggermente caldo, insieme ai chiodi di garofano ridotti in polvere con un mortaio. Unire quest’olio aromatizzato al pomodoro aggiungendo anche la cannella e continuare la cottura per pochi minuti.

Lessare la pasta in abbondante acqua salata, scolarla ben al dente e ripassarla in padella con la salsa.

Risotto alla marinara

20/09/2018
da Adriana Sicilè

Risultati immagini per risotto alla marinara

 

PRESENTAZIONE

Il risotto alla marinara si può trovare in tutte le località marittime della Sicilia, che hanno fatto della freschezza e della qualità del prodotto il segreto del loro successo. Si può gustare anche fuori dalla stagione estiva in quanto il surgelamento degli ingredienti ne consente una lunga conservazione. Noi però vi invitiamo a gustarlo con i frutti del nostro mare.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

  • 400 gr. di riso
  • 200 gr. di calamari
  • 150 gr. di seppioline
  • 200 gr. di code di gamberi sgusciate
  • 500 gr. di cozze e vongole
  • 1,2 l di brodo di pesce
  • 2 spicchi di aglio
  • 1 pezzetto di cipolla
  • 1mazzetto di prezzemolo
  • Vino Bianco secco
  • Olio extravergine d’oliva
  • Sale
  • Pepe

PREPARAZIONE

Lasciate le vongole immerse in acqua e sale per qualche ora; poi sciacquatele e sgocciolatele.

Spazzolate le cozze, lavatele e trasferitele in un tegame con le vongole, 1 cucchiaio di olio, 1 spicchio di aglio e un ciuffo di prezzemolo; coprite e lasciate aprire i molluschi.

Guarda Anche:  Pasta con le sarde alla catanese

Sgusciatene tre quarti (eliminando quelli rimasti chiusi) e filtrate il liquido prodotto dalla cottura.

Pulite e lavate i calamari e le seppioline tagliateli rispettivamente ad anelli e a striscioline.

Tritate finemente l’aglio con la cipolla ed il prezzemolo e fate appassire il tutto in un tegame con 5 cucchiai di olio; unite seppie e calamari e rosolate per 1 minuto.

Versate il riso e rigiratelo nel condimento; bagnate con mezzo bicchiere di vino e lasciate evaporare.

Portate a cottura incorporando prima il fondo dei frutti di mare e, dopo, il brodo di pesce, versato poco alla volta.

Dopo una decina di minuti, mescolate al risotto le code di gamberi ben lavate e, un paio di minuti dopo, le cozze e le vongole (con e senza guscio).

Qualche istante prima di spegnere il fuoco, regolate di sale, cospargete di pepe e prezzemolo tritato e mantecate il risotto con un filo di olio.

Variante: possono essere aggiunti dei pomodorini di pachino oppure poca salsa di pelati.

Minestra di riso e ceci

20/09/2018
da Adriana Sicilè

Risultati immagini per minestra di riso e ceci

Una buonissima minestra, un primo piatto tipico dell’entroterra siculo.

 INGREDIENTI PER 4 PERSONE

  • 500 grammi di ceci
  • 400 gr di riso
  • 1 cipolla
  • 1 ciuffetto di prezzemolo
  • sale
  • 200 grammi di riso
 

PREPARAZIONE

Mettere ammollo per almeno 12 ore i ceci.

Metterli in un tegame coperti da acqua, aggiungere la cipolla affetta molto sottile ed il prezzemolo tritato.

Condire con un pizzico di sale e far cuocere per circa 2 ore e mezza.

A cottura ultimata, nella stessa acqua versare il riso.

Fate cuocere per altri 20 minuti.

Condire con abbondante olio crudo.

Pasta alla carrettiera

20/09/2018
da Adriana Sicilè
Pasta alla carrettiera

 

INGREDIENTI: X 4 PERSONE

  • 600 gr. di bucatini
  • 4 grossi pomodori maturi
  • olio
  • 4 spicchi d’aglio
  • 1 mazzetto di basilico
  • sale
  • pepe

PREPARAZIONE

1 Spellare i pomodori e tagliarli a pezzetti, raccogliendone il succo.

2 Condire pezzi di pomodoro e succo in una zuppiera con abbondante olio, 4 spicchi d’aglio pestati.

3 Aggiungere il basilico, sale e pepe.

4 Lessare la pasta e versarli caldissimi nella zuppiera con il condimento. Aggiungere ricotta salata o pecorino gratuggiato, mescolare  portare immediatamente a tavola.

Timballo di riso

20/09/2018
da Adriana Sicilè
Timballo di riso

 

IL timballo di riso è una ricetta tipica di tutta l’isola, certamente con varianti di provincia in provincia, quella qui riportata è una variante tipica della città di Caltanisetta.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

  • 1 kg di riso
  • 200 grammi di estratto di pomodoro
  • 400 grammi di tritato di maiale
  • 4 melanzane
  • 200 grammi di di primosale
  • 100 grammi di mortadella
  • 2 uova sode
  • 100 grammi di pecorino grattugiato
  • 1 uovo
  • 100 grammi di mollica di pane
  • 100 grammi di pangrattato
  • pepe
  • olio

PREPARAZIONE

Lavorare il tritato con la mollica bagnata, un uovo, il prezzemolo tritato ed il formaggio grattugiato, lavorare bene bene ed impastare in modo da amalgamare tutti gli ingredienti, quindi soffriggerlo in una padella a fuoco molto alto.

Preparare un sugo fatto con l’estratto di pomodoro, olio e cipolla grattugiata, aggiungere il tritato ed allungare con acqua, lasciare su fuoco medio per circa 90 minuti.

Lessare il riso in abbondante acqua salata, quando pronto metterlo in un contenitore abbastanza grande e condirlo con parte del sugo della carne, pecorino e pepe, e lasciare raffreddare.

Tagliare le melanzane a fette e lasciare in ammollo con acqua e sale per circa un’ora. Quindi friggerle. Lessare le uova.

Quando tutto sarà pronto, ungere una teglia e spolveratela di pangrattato, e alternando strati di riso e degli altri ingredienti. Una volta terminato (lo strato superiore deve essere di riso) Bagnare il tutto con un po’ di olio e spolverare di pangrattato, mettere in forno per circa 60 minuti e servire, infine, tiepido.

Pasta ncaciata

20/09/2018
da Adriana Sicilè
Pasta ncaciata
La pasta ncaciata è la versione rivisitata dagli abitanti della città dello stretto, della classica pasta al forno Siciliana. Qualcuno anziché cucinarla al forno, finisce col cuocerla sul barbecue.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

  • 600 grammi di magliette di maccheroncino
  • 1500 grammi di pomodoro maturo
  • 200 grammi di tuma o caciocavallo fresco
  • 200 grammi di carne tritata
  • 50 grammi di mortadella o salame
  • 2 uova sode
  • 4 melanzane
  • 100 grammi di pecorino grattugiato
  • 2 spicchi d’aglio
  • Mezzo bicchiere di vino bianco
  • Basilico
  • Olio
  • Sale
  • Pepe

PREPARAZIONE

Preparare la salsa con i pomodori, l’aglio ed il basilico, tagliare le melanzane a fette, tenerle per un’ora a mollo con acqua e sale, scolarle bene e friggerle.

Soffriggere il tritato con abbondante olio, sfumare on il vino e completare la cottura aggiungendo qualche cucchiaio di salsa di pomodoro, cucinare la pasta lasciandola molto al dente, versarla in una zuppiera e conditela con salsa di pomodoro, prendere una teglia ben unta e spolverarla di pangrattato, versare la pasta alternandola con strati di carne tritata e melanzane fritte formaggio grattugiato, basilico, uova sode, tuma e salame tagliati a fette.

Chiudere l’ultimo strato con melanzane, salsa e molto pecorino. Mettere in forno caldo per 20 minuti circa, il caciocavallo dell’ultimo strato si scioglierà formando una leggera crosta, da cui il nome pasta ncaciata.

Pasta con il nero di seppia

20/09/2018
da Adriana Sicilè
Pasta con il nero di seppia

Ingredienti x 4 persone:

400gr. Spaghetti, 350gr. di seppie, 2 spicchi d'aglio, 1/2 bicchiere di vino bianco, 1/2 bicchiere olio d'oliva, due cucchiai di concentrato di pomodoro, sale, basilico.

Preparazione:

1 Pulire le seppie, avendo cura di conservare il sacchetto con il nero e tagliuzzarle.

2 In un tegame soffriggere con l'olio gli spicchi d'aglio tagliati in due, aggiungere le seppie e far prendere un bel colorito; versare il vino e fare evaporare.

3 Unire il concentrato di pomodoro, aggiungete il sale e cuocere a fuoco moderato per 20 minuti.

4 A cottura quasi ultimata rifinire colorare il condimento con il nero di seppia contenuto nel sacchetto.

5 Lessare gli spaghetti, scolarli al dente e maneggiarli nel tegame con le seppie. Servire in un piatto da portata, decorando con altro un ciuffo di basilico.

Commenti

Nessun messaggio trovato

Scrivi una recensione